E s'annette anche il calcio femminile.

"Tavecchio incontra il vecchio potere?"

Pubblichiamo l'interessante articolo di Walter Pettinati che esprime dubbi su come si convocano assemblee in barba alle Noif. Va detto che le Noif, come ribadiamo da tempo sono state ignorate dal Tavecchio fin all'origine quand'era presidente di società, omettendo informazioni indispensabili che non gli avrebbero permesso alcuna carica sportiva nel calcio. Ma ecco l'articolo:

"La data dell'appuntamento è fissata per Lunedì 14 Febbraio, sarà un caso!? l'incontro è stato chiesto da poche società e accettato dal presidente Tavecchio nonostante l'incontro ESCLUDE la presenza del presidente della DCF. Padovan è stato informato dallo stesso Tavecchio e naturalmente il nostro presidente non ha gradito la sua esclusione e si è opposto. Vedremo cosa succederà da oggi a lunedì!
Sapevo della notizia ma non volevo credere alle mie orecchie, un atto così antisportivo anzi direi una bella e cattiva entrata da dietro, che mi permetto di definire VERGOGNOSA! Mi chiedo e vi chiedo, su quale fondamento giudico si basa questo incontro? 4 amici al bar o una riunione ufficiale? non trovate anomale le modalità con cui viene escluso il presidente Padovan? per quale motivo queste società di distaccano da tutte le altre (maggioranza) e vogliono parlare con Tavecchio senza la presenza del loro presidente? quali interessi? promesse? o ancora, e qui volo con la mia fantasia, quali accordi ci saranno stati all'inizio della legittimazione del nuovo direttivo? Non lo so, forse sto solo lavorando d'immaginazione ma resta il fatto che lunedì 14 Febbraio si terrà un incontro tra alcune società e Tavecchio con modalità anomale e procedimento irregolari senza tenere conto di quanto riportano le NOIF e le procedure per richiedere un'assemblea. Le società che hanno organizzato questo incontro stanno invitando tutte le altre società con telefonate tra presidenti che in maggior parte dissentono!

Passiamo ai fatti: come tutti sapete l'assemblea del 12 Febbraio non è stata un'incontro da ricordare con piacere ma, per merito di alcuni presidenti ed i loro comportamenti e toni minacciosi, con estrema vergogna. Cortani  e Marras hanno chiesto la mozione d'ordine che gli è stata rifiutata dal presidente dell'assemblea e alla fine dell'assemblea, Cortani, ha inoltrato la richiesta per invalidità l'assemblea contrariata dall'atteggiamento del presidente dell'asseblea Sig. Repace. La corte di Giustizia deciderà in merito.
Successivamente, il presidente Padovan con i vice, Musumarra e Coppo hanno incontrato il presidente Abete e il presidente Tavecchio. Dal loro incontro è uscito il comunicato visibile sul sito della LND-DCF, comunicato che in primis era stato inviato ai due presidenti per l'approvazione. Sulle ali di quelle parole la DCF si è messa al lavoro per preparare un progetto da sottoporlo alle società e alla FIGC-LND per continuare l'attività in modo più autonomo e indipendente. Dall'altro canto, i dissidenti, sembra non credere al comunicato e alcune voci dicono che Tavecchio avrebbe riferito loro che non coprirà i costi del personale di cui si è sempre fatto carico e che se la DCF non pareggia i conti il calcio femminile diventerà un Dipartimento della LND. In poche parole non si crede a ciò che scrive il presidente Padovan ne alla testimonianza dei due vice presidenti della DCF e si vuole chiedere di persona come stanno le cose? oppure cosa si sta tentando di fare?
Cosi mi è stato riferito. Tanto che la presidente Cortani in un primo momento si era dissociata dalla lista delle società che tentano questa manovra e successivamente invece non approva ma andrà ad assistere ed ascoltare. Bah!

Il tutto fa pensare a qualcosa di poco chiaro anche perchè non si rispettano le norme e si utilizza un procedimento alquanto irregolare, senza precedenti. Il presidente Abete in tutto questo come si comporterà? Certamente questi presidenti non vogliono concedere a Padovan il tempo, che la DCF dispone, per preparare il suo progetto e presentarlo alle società per la discussione dello stesso e l'approvazione, come si usa in una VERA democrazia sportiva.

Aspettiamo lunedì e i giorni successivi per diffondere ulteriori notizie e riportare dati certi sull'incontro e il contenuto. Io spero che la maggioranza delle società non si facciano incastrare dall'idea del dipartimento e procedano in modo indipendente, che si chiami DIVISIONE (a me personalmente sta parola non piace) o si costituisca una LNF, sotto la FIGC e il CONI, ma lontani dalle ombre della LND che ha dimostrato da sempre di non volere la crescita del calcio femminile."

C'entra niente il Movimento Presidenti Lnd e i primi contatti in corso (anche con un insospettabile, che bello!) ?

 

Fonte: 

Redazione

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Commenti

Signor Tondi, noi gradiamo tutto. Se i toni non ci vanno lo diciamo. Aspettiamo il prossimo suo commento.

Spettabile Redazione,
Io combatto il sistema ,niente di personale con nessuno, questo lo ribadisco,Mambelli è parte integrante del sistema e quindi combatto lui come tutti i componenti.. e qualsiasi notizia che possa suffragare e confermare atteggiamenti e situazioni che fanno capire meglio quanto sia volubile e scorretto il sistema ,io penso che le societa' debbano conoscere anche questi risvolti ed essere informate...Per  quanto riguarda il due di coppe,per favore non prendiamoci in giro,dico la verita poi, se la redazione non gradisce mi dica pure dove e come sbaglio..ma non credo..comunque rispetto le osservazioni.Tondi Mario

Signor Tondi, capiamo che per suoi motivi personali lei possa avercela con il Mambelli, ma francamente per quanto possiamo volerlo, non può stare come il prezzemolo ovunque ed avere tutte le colpe del caso. Nella vicenda scritta in questo articolo Mambelli non c'entra per niente. Non sappiamo a chi si riferisca quando scrive due di coppe...  I toni corretti e gli argomenti pertinenti aiutano, altrimenti sono solo controproducenti. Grazie.

Niente di nuovo sotto il sole..meraviglia perchè pensavamo che il Padoan,sempre presente alle Feste a casa del Mambelli,ospite fisso e  osannato,fosse nelle grazie del Mambo e pertanto francamente non si capisce questo irriverente comportamento.
Caro Padoan,tu che hai la penna.dacci una mano ,inizia a sensibilizzare tutta la Stampa e le TV
sulle vergogne dei vertici nazionali.E il due di coppe cosa fa?aspetta Rai 1,durante l'intervallo?
aspetta ordini?cosa fai due di coppe(è il soprannome di uno del mio paese che assomiglia tanto al Pino/Abete) sono piu' di vent'anni che parli a comando..svegliati..facce ride...
Avanti con le societa'....saluti a Mambelli regista completo e grande amatore.il vero PROTAGONISTA è LUI...vai Mambo..saluti a tutti Tondi Mario

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160