Il silenzio di Tavecchio

7 domande che se non trovano risposta non possono che portare alla dichiarazione di ineleggibilità del presidente Tavecchio

Egregio Sig. Tavecchio,
la invitiamo a rispondere alle nostre 7 domande: 

  1. Lei è a conoscenza delle norme federali, delle Noif, e dell'impossibilità di ricoprire qualsiasi incarico federale se precedentemente condannati?
  2. Può negare che la Corte d'Appello di Milano nel luglio del 1970 ha confermato la sentenza del Tribunale di Como che l'aveva condannata per falsità in titolo di credito a quattro mesi di reclusione?
  3. Può negare che in data 29/11/1994 il Tribunale di Como sentenziò a suo carico per evasione in materia d'imposte sui redditi e sull'Iva? (Sentenza che la condanna a mesi 2 GG 28 di reclusione e lire 3.200.000 di multa pena condonata ai sensi del D.P.R.  22/12/1990 n: 394 )
  4. Può negare che nel luglio del 1996 fu emessa una sentenza a suo carico dal Pretore di Como per omesso versamento delle ritenute previdenziali ed assistenziali?
  5. Può negare che ha subito una condanna di 3 mesi di reclusione e lire 620.000 di multa e che la reclusione è stata sostituita con lire 6.750.000 dal Gip della Pretura di Como?
  6. Può negare che è stato condannato per violazione delle disposizioni in materia di smaltimento rifiuti, a 20 giorni d'arresto, arresto sostituito con lire 1.500.000 d'ammenda?
  7. E' mai stato condannato per abuso d'ufficio?
Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Commenti

Gentile Marzio, i primi contrasti con Tavecchio risalgono alle nostre considerazioni sull'accordo con Lottomatica, noi lo consideravamo sbagliato e pericoloso, perchè portare la cultura del gioco d'azzardo nelle società dilettanti cuore del sistema calcio infantile è a nostro avviso deleterio indipendentemente dai soldi che porta alla Lnd. Certo un fornitore non dovrebbe fare commenti ..... altrimenti rischia di non esser pagato per il lavoro che svolge.
Le 7 domande che trova di moda sono lette ogni giorno da circa 1.800 persone piano piano le società sanno come sono governate. Certo la prossime azioni saranno tese a certificare che la Figc sappia, e di conseguenza domandarsi e decidere se ignorare o agire. Poi ad ognuno il suo, come sempre.

Caro marzio lucertola ....... qui non é quetsione di astio. Mi sembra che le questioni poste siano di estrema gravità ed é ancor più grave il silenzio del caro (non per affetto) Tavecchio, dei vertici della FIGC, del CONI, della stampa nostrana......
Bisognerebbe invece mobilitarsi. Tutte le Società della LND dovrebbero chiedersi in che mani sono! Forse una letterina a Striscia o alle Iene non guasterebbe ...... magari a loro qualche risposta sarebbero costretti a darla.
Caro Maffeis..... mi sa che é ora che qualcuno vada a suonare il campanello di Via Allegri!!!!!! 

ora vanno di moda le domande senza risposte...
ho letto in questi giorni ciò che avetescatenato contro il Presidente Tavecchio, ma mi manca l' incipit..
da dove inizia tutto questo astio , Voi che risultate fornitori dal 2004 della lega di Tavecchio?

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160