Leonardo: Tutto calcolato. Pazzini: Milan, niente festa

in

ROMA, 30 aprile - «Era tutto calcolato, tutto organizzato da prima, tutto perfetto così». Scherza Leonardo dopo la rimonta 'pazzesca' a Cesena nei minuti di recupero che ha permesso all'Inter di restare al secondo posto e a -5 provvisorio dal Milan di rimandare come minimo la festa scudetto dei rossoneri. «La vedevamo come una partita decisiva ed era molto importante fare tre punti per la Champions, anche se non è ancora fatta - ha detto il tecnico nerazzurro al microfono di Sky Sport -. Vincere in questo modo qua è veramente incredibile, anche se non è la prima rimonta». Leonardo ride forte quando gli chiedono se è ancora possibile la rimonta scudetto, poi dice serio: «Siamo a 5 punti dal Milan, non lo so, può succedere di tutto. L'obiettivo di oggi è la Champions, poi vediamo che cosa succede».


PAZZINI - «Non volevamo che gli altri vincessero perchè glielo lasciavamo noi e poi ho fatto anche un regalo agli amici della Samp». Così Giampaolo Pazzini al microfono di Sky Sport dopo la doppietta nel recupero a Cesena, che tiene l'Inter al secondo posto e quantomeno rimanda la festa scudetto del Milan, che dovrà aspettare per festeggiare il titolo anche se dovesse vincere domani contro il Bologna. La sconfitta del Cesena favorisce nella lotta salvezza la Sampdoria, ex squadra di Pazzini. «Noi vogliamo vincere per noi, poi vedremo dove saremo arrivati", ha aggiunto l'attaccante nerazzurro, che poi ha rivolto una frecciata alla stampa con il sorriso sulle labbra: "I gol sono una risposta a me, si diceva che da 40 giorni non segnavo, mi sono divertito a leggerlo, ma mi diverto di più a far gol».


Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160